عدد من استوديوهات الشركات الناشئة. حماس وانتقاد لمصانع الشركات: "كان هناك 5 ملايين دولار هنا منذ لحظة واحدة فقط. أين ذهبت؟"

Autore: Max Pog
Grande ricerca sugli Startup Studio 2023
Data: 4 set 2023
Data di traduzione: 20 feb 2024 - Marco Rossi, Nick Sgobba

عدد من استوديوهات الشركات الناشئة. حماس وانتقاد لمصانع الشركات: "كان هناك 5 ملايين دولار هنا منذ لحظة واحدة فقط. أين ذهبت؟"

Autore: Max Pog
Grande ricerca sugli Startup Studio 2023
Data: 4 set 2023
Data di traduzione: 20 feb 2024 - Marco Rossi, Nick Sgobba
تحصل الشركات الناشئة التي تم إنشاؤها في مصانع الشركات على تمويل أولي أسرع بمرتين وتخرج من الاستوديو بنسبة 33% أسرع من الشركات الناشئة التقليدية. تضاعف عدد استوديوهات الشركات الناشئة بين عامي 2018 و2023 ليبلغ 877. ونذكر من اللاعبين القدامى في هذا المجال كلا من: (بيتر ثيل، ومارك أندريسن، وجيف بيزوس، وريتشارد برانسون).
استوديو الشركات الناشئة هو منظمة تقوم بإنشاء شركات ناشئة من الألف إلى الياء عادةً، حيث يولد الأفكار ويختبرها، ويستثمر الأموال، ويوزع الموارد وفريق الاستوديو بين المشاريع المختلفة، ويجذب رواد الأعمال المؤسسين لإنشاء شركات ناشئة. يحتفظ الاستوديو عادةً بحصة تتراوح بين 20 إلى 40% من كل شركة وأحيانًا أكثر، لكنها نادرًا ما تقل عن ذلك.

أنا رائد الأعمال (ماكس بوج). كنت أبحث على مدى الأشهر السبعة الماضية في كل ما يمكنني الحصول عليه عن استوديوهات الشركات الناشئة. أجريت محادثات مع مؤسسي استوديوهات من الولايات المتحدة والمملكة المتحدة والاتحاد الأوروبي والإمارات العربية المتحدة ودول رابطة الدول المستقلة، وقمت أيضًا بمراجعة الموارد الشائعة حول هذا الموضوع. أخذت قاعدة بيانات Venture Studio Index Database (التي تشكل 407 استوديوهات و1840 شركة ناشئة)، وجمعت بيانات إضافية عن الشركات الناشئة في مصانع الشركات لتحليل قدمتها على حذر المستثمرين. وأخيرًا، أجريت استطلاعًا صغيرًا بين 30 مستثمرًا ملائكيا angel investor)) في الولايات المتحدة حول موقفهم تجاه الاستثمار في استوديوهات الشركات الناشئة.

بعد نشر إعلان على LinkedIn والحصول على أكثر من 2000 تعليق من الأشخاص الذين ينتظرون هذا البحث، قررت (بعد أن شعرت بمتلازمة المحتال) إضافة المزيد من مصادر البيانات وتحسينها، الأمر الذي استغرق شهرًا إضافيًا من العمل الشاق. بالرغم من أنني أستطيع أن أصف هذا البحث بثقة بأنه أحد التحليلات الأكثر تفصيلاً والأوسع نطاقا عن استوديوهات الشركات الناشئة اعتبارًا من سبتمبر 2023، إلا أنه لا يزال غير كامل، وأنا منفتح بل ومتشوق للنقد (كما يدعو راي داليو في Principles )المبادئ) :grin:).

Max Pog

Entrepreneur

LinkedIn

X

YouTube

يعتمد الجزء الأكبر من عملي على 17 مصدرًا أساسيًا (وأكثر من 120 مصدرًا إضافيًا - جميع الروابط موجودة ضمن التقرير) يوفر البيانات الأكثر شمولاً عن استوديوهات الشركات الناشئة ومصانع الشركات:
1. قاعدة بيانات Venture Studio Index Database، (جيمس موران) (2023)
2. بيانات إضافية قمت بجمعها حول الشركات الناشئة في مصانع الشركات من خلال موقع Crunchbase الذي يستند إلى قاعدة بيانات Venture Studio Index Database، ومن خلال الاستبيان الذي أجريته عن المستثمرين الملائكيين في الولايات المتحدة (2023)
3. كتاب Startup Studio Manifesto، لـ (فرهاد أليساندرو, محمدي, ومانويلا مايوكو, وفرديناندو دي بلاسيو دي باليزي) (2023)
4. الورقة البيضاء Redesigning Entrepreneurship لـ (ماثيو بوريس, وفرهاد محمدي, ومانويلا مايوكو) (2023)
5. الورقة البيضاء Understanding the Impact of Company Creation Fund Structures، صندوق Vault Fund (2023)
6. تقرير بيانات شبكة (Global Startup Studio Network - GSSN لعام 2022 (غير متاح للعامة، ومع ذلك، فقد مُنحت الإذن بمشاركة بعض الأرقام في بحثي، شكرًا Morrow!) + Startup Studio Boot Camp by Morrow (2023)
7. كتاب Venture Studios Demystified: How venture studios turn the elusive art of entrepreneurship into repeatable successلـ (شيلبا كانان, وميتشل بيترمان) (2022)
8. تسجيل لندوة عبر الإنترنت مع الكثير من الأرقام State of the Venture Studio World، Enhance Ventures، Vault Fund، Silicon Foundry، DIFC، شبكة GSSN (2022)
9. الورقة البيضاء Bringing ideas to life، (مامازن) (2021)
10. الورقة البيضاء Disrupting the Venture Landscape، شبكة GSSN (2020)
11. الورقة البيضاء Understanding Startup Studio Structures، FutureSight (2020)
12. مدونة StudioHub (2019-2023)
13. الورقة البيضاء The Rise of Startup Studios White Paper، شبكة GSSN (2019)
14. الورقة البيضاء Startup Studios - Innovating Innovation ، (Enhance Ventures (2019
15. كتاب Startup Studio Playbook: For entrepreneurs, pioneers, and creators who want to build ventures faster and with a higher chance of success. Master the studio framework and start building، أتيلا سيجيتي (2019)
16. مدونة Blog of the founder of startup studio Builders، (مايكل فان لير) (2017-2023)
17. مدونتا مؤسسَي استوديو eFounders (Hexa) للشركات الناشئة: (تيبو إلزيير, وكوينتين نيكمانز)
Abbiamo 17 capitoli davanti a noi per imparare (quasi) tutto sugli startup studio, rivederci le fonti e riflettere sulla domanda: "Dovrei esserne coinvolto?"

La “ciliegina sulla torta” sarà la mia visione per l’avvio e il finanziamento di nuovi studio (capitoli 15-16) e gli inviti all'azione (call to action) (capitolo 17): 1.Sto cercando un partner per creare un fondo di venture capital al fine di investire in nuovi studio, 2.Sto invitando gli aspiranti fondatori di studio ad avviare uno studio assieme, 3...lo saprete alla fine :grin:
Come leggere questa ricerca?

  • Avete solo 10 minuti? Guardate tutte le immagini all'interno della ricerca e leggete il capitolo 15 - indispensabile. Avete ancora cinque minuti? – leggete il capitolo 16.

  • Avete 25 minuti? Tutte le immagini + sezioni 1-3, 8, 12, 15-17.

  • State pianificando di avviare, investire in, o gestire uno startup studio? Leggete tutto: ho dedicato 1000 ore a questa ricerca per farvi risparmiare il 99.9% del vostro tempo.

Versione francese della ricerca.
Versione portoghese della ricerca.
Versione inglese della ricerca.
Versión en inglés de esta investigación.

Risorse per i Venture Studio:

1. Scetticismo, critiche e svantaggi degli startup studio. Dove sono finiti i 5 milioni di dollari e quale è il collegamento con un rifugio?

Alcuni fondatori di startup, investitori informali, fondatori ed ex fondatori di startup studio e di società di venture capital (VC) con cui ho parlato, hanno criticato ognuno in maniera diversa il modello degli startup studio. Ecco i principali problemi emersi:
1
È difficile attrarre cofondatori esperti nelle startup degli studio
Perché imprenditori competenti dovrebbero cedere il 40% (per non parlare dell'80%) delle loro quote a degli startup studio quando potrebbero assicurarsi un round di investimento da un fondo di Venture Capital per una diluizione del 10-20%?

Alcuni venture studio offrono degli stipendi ai fondatori (oltre al capitale della startup), ma questo non sempre li attrae. Ad esempio, ad un imprenditore che conosco a New York (che in precedenza gestiva una startup finanziata da un VC con oltre 10 milioni di dollari di investimenti, che alla fine ha chiuso) era stato offerto 1 milione di dollari in investimenti dal venture studio Fractal per avviare una nuova startup. Con questo investimento, avrebbe potuto pagarsi uno stipendio annuale di 150K dollari (oltre a un secondo co-founder, un CTO), ma ha rifiutato l'offerta.
2
Requisiti patrimoniali
Per avviare uno startup studio, hai bisogno di almeno 1-2 milioni di dollari o, ancor meglio, di 5-10 milioni di dollari.

Secondo il GSSN Data Report 2022, il budget annuale medio di uno startup studio è di $ 1.36 milioni, la media - $ 2.49 milioni. Un Co-founder di un venture studio in California ha rivelato che hanno raccolto 2.5M di dollari nel 2021 per creare 4 società e 6 milioni di dollari nel 2022 per crearne altre 6. Nel frattempo, un co-founder di uno startup studio in Lussemburgo ha condiviso che ci vogliono circa 200.000 Euro per avviare una startup al punto che poi possa attrarre investimenti in seed esterni.
3
Broken Cap Table e complessità per i round di investimento futuri
Maggiore è la quota azionaria iniziale dello studio in una startup, maggiori sono le domande che si fanno i futuri investitori in quella startup. Un recente articolo sul venture studio Fractal, che mira ad ottenere una partecipazione del 47,5% nelle società che crea, era stato così intitolato I fondatori affermano che la struttura dell'accordo ha portato i VC a inserirli nella lista nera. L’articolo dice che solo una delle 130 startup create dallo studio ha raggiunto un finanziamento di serie A. Aggiornamento (4 ottobre 2023): dopo la pubblicazione del mio articolo, il team di Fractal mi ha contattato per spiegarmi che fino ad oggi, solo una azienda aveva tentato di raccogliere un serie A e ci era riuscita:

  • "Dato che la prima impresa Fractal è stata fondata alla fine del 2020 e che la grande maggioranza ha meno di 2 anni, non ci si aspetta ancora che un'impresa abbia raccolto un serie A.

  • Dato che diverse dozzine di imprese di Fractal hanno raccolto fondi in fase seed, spesso da VC di primo piano, è chiaro che molti investitori non sono preoccupati dalla presenza di uno studio nella tabella di capitalizzazione (cap tables)."

Le startup create dagli studio attirano comunque round di investimento, compresi quelli in stadi avanzati. Ad esempio, nel marzo 2023, la startup Ring Therapeutics, creata dal venture builder Flagship Pioneering ha raccolto 86.5 milioni di dollari in un round di serie C. Un'altra società, Moderna (ricordate il Covid?), ha raccolto finora 3 miliardi di dollari.
4
È difficile attrarre finanziamenti per uno startup studio
Non tutti gli investitori comprendono ancora la struttura e le operazioni degli startup studio, il che rende difficile raccogliere denaro per il primo gruppo di imprese o per il fondo iniziale dello studio. Tuttavia, la raccolta di fondi successivi diventa realizzabile se lo studio ha una buona reputazione e ha costruito diverse aziende di successo. Notizie di maggio 2023: Il venture studio Atomic ha attratto investimenti per 320 milioni di dollari per il suo quarto fondo. In precedenza, nel 2017, tra i primi investitori c'erano Marc Andreessen e Peter Thiel.
5
La difficoltà è esponenziale
Come mi ha spiegato uno dei founder di uno startup studio: avviare un business tradizionale è difficile, è imprevedibile e spesso non è redditizio. Avviare una startup è ancora più impegnativo, con rischi e stress ancora maggiori. Avviare più startup contemporaneamente significa inevitabilmente che qualcosa andrà storto da qualche parte, con tutto il caos conseguente (soprattutto in assenza di processi solidi e di un focus su un settore specifico, come era stato il caso in questione).
6
Dati limitati sull'efficacia degli startup studio come asset class
Ci sono solo alcuni studi sulla reale efficacia degli startup studio come asset class. I tre rapporti menzionati sono stati condotti dal Global Startup Studio Network (GSSN), una comunità di startup studio che in seguito si è fusa con Morrow. Questi rapporti si basavano sulle risposte di una quarantina di startup studio che hanno partecipato al sondaggio e sulle loro 200+ startup. Ho avuto l’opportunità di parlare con diversi investitori e manager di startup studio che erano scettici sull’affidabilità dei dati del GSSN, principalmente a causa delle loro affiliazioni. Credo personalmente che la GSSN sia un'organizzazione con una buona reputazione, ma è importante comprendere che la loro selezione degli startup studio per la ricerca è stata in qualche modo filtrata dalla scelta dei loro criteri, come ad esempio tra gli altri fattori, runway minimo di 2 anni (una liquidità per impresa che permetta un’aspettativa di vita di circa 2 anni) e la capacità di finanziarla per almeno $ 200.000. Inoltre, nello startup studio intitolato “Venture Studios Analyzing a New Asset in the Venture Ecosystem”, è stato menzionato che i risultati del rapporto del GSSN sulle performance degli startup studio potrebbero rivelare un “bias di sopravvivenza”. Questo potrebbe verificarsi se i dati fossero raccolti esclusivamente dalle imprese sostenute dagli startup studio, gonfiando potenzialmente la percezione complessiva delle prestazioni dello startup studio.

Ad aumentare la complessità della ricerca c'è il fatto che alcuni startup studio possiedono fondi che possono investire non solo nelle loro startup (create da zero) ma anche in aziende terze, come fa il venture studio (B2B SaaS) High Alpha. La banca dati del Venture Studio lndex affronta questa limitazione conteggiando tutte le start-up create o incubate all'interno di tutti i tipi di società di capitale di rischio o venture capital (non solo dagli startup studio 'puri'). Questa indicizzazione si basa su 407 startup studio presenti nella base dati e sulle loro 1843 startup (ad eccezione di quelle finanziate da VC che non partecipano attivamente al loro sviluppo). Tuttavia, è importante notare che il numero reale di startup studio è maggiore (almeno 877 secondo i dati di Enhance Ventures), il che significa che la base dati non include tutti gli startup studio e gli investimenti nelle loro startup.

Gli startup studio inoltre si autodefiniscono usando 7 nomi diversi e la loro struttura può cambiare: un fondo di VC può avviare uno startup studio, o uno startup studio può trasformarsi in un acceleratore o in un fondo, ecc. Poiché molte aziende in tutto il mondo li chiamano in modi diversi e usano i nomi in modo interscambiabile (come faccio io in questa ricerca), vedo una tendenza a differenziare gli “startup studio” (come entità senza fondi paralleli) e i “venture studio” (come organizzazioni dotate di fondi). Il termine 'venture builder' sembra essere spesso usato in un contesto aziendale e di solito si riferisce a un modello in cui il costruttore possiede la maggioranza delle quote azionarie (anche se non in tutti i casi è così)."

7
Non tutti hanno successo
L'acceleratore 500 Startups ha annunciato l'apertura dello startup studio 500 LABS nel 2016, ma da allora c'è stato solo silenzio, e il loro sito web non è più funzionante.
L'acceleratore Techstars, a sua volta, aveva pianificato di creare Techstars Studio nel 2019 – ma da allora non ci sono state notizie, e la pagina dello startup studio reindirizza alla pagina principale dell’acceleratore. Dei 9 startup studio intervistati (per lo più nel 2016) per la redazione dello Startup Studio Playbook, solo 3 sono ancora attivi, 2 sono inattivi (ma detengono partecipazioni in startup) e i restanti 4 hanno chiuso.
Come 500 Startups ha spiegato la loro decisione di creare uno startup studio, uno screenshot dell'articolo.
8
Il successo di una startup può uccidere uno startup studio (ma non è un brutto scenario :grin:)

A volte il motivo per chiudere, o almeno rallentare le attività di uno startup studio, è la creazione di una startup di grande successo, che diventa poi l’obiettivo principale dei fondatori dello startup studio. Come è stato ad esempio per Max Levchin, ex cofondatore di PayPal, che dopo aver avviato lo startup studio HVF è diventato il CEO della sua azienda Affirm (quotata in borsa) in tre anni. Ev Williams, cofondatore di Obvious Corp, uno startup studio che ha dato vita a Twitter, ne è diventato in seguito il CEO.

Altro esempio: un imprenditore con cui ho parlato, che aveva avviato uno startup studio, ha speso 1 milione di dollari e testato 20 idee prima di arrivare a creare una startup di vero successo, dopodiché ha interrotto tutte le altre attività per concentrarsi esclusivamente su questa impresa.

Jack Abraham spiega che, come fondatori di uno startup studio, invece di passare in una startup che ha ottenuto un enorme successo nel portfolio dello startup studio, è meglio, anzi necessario, lasciare che i cofondatori delle startup possano brillare e attribuire loro il giusto merito per questo successo.
Pronti per commenti taglienti? Eugene Kalinin, investitore informale (angel investor) e startup mentor, afferma che il ritornello più comune tra i fondatori di startup studio è: "C'erano 5 milioni di dollari qui giusto un attimo fa. Dove sono finiti?” Prosegue dicendo: per capire cosa sia uno startup studio e cosa faccia tipicamente, bisogna fare riferimento a Wikipedia e consultare un articolo su cosa sia un rifugio per bisognosi. Eccolo. Sì, leggetelo. Qui non ci saranno spoiler.
La maggior parte degli studi affronta sfide dovute non solo alle difficoltà nell’attrarre investitori e cofoundatori nelle loro fasi iniziali, ma anche a causa di diverse scelte di progettazione che ostacolano il loro sviluppo a lungo termine. Alcune di queste includono:
1
Mancanza di un focus su un settore verticale o una nicchia specifica,
spesso inseguendo contemporaneamente più settori verticali e modelli, specialmente nei primi anni di attività. Questo diluisce lo sviluppo di competenze in una nicchia specifica, come il FinTech nel settore immobiliare o l'IIOT per le energie rinnovabili, indebolendo l'effetto dello startup studio. Ancora più importante, non offre ad imprenditori esperti vantaggi che li convincano ad unirsi ad uno studio.
2
L'approccio non snello (non-lean)
può portare a finanziamenti iniziali insufficienti per costruire almeno 5-8 aziende. Inoltre, stipendi troppo allettanti per i fondatori fin dall'inizio possono attirare professionisti più interessati allo stipendio, che veri imprenditori con una mentalità da fondatore.
3
Prendere una quota della startup troppo elevata da parte dello startup studio
rispetto a quella degli acceleratori (che è ben inferiore rispetto a quello di uno startup studio) ostacola i finanziamenti futuri e demotiva i cofondatori.
Più avanti, nelle sezioni 15-16, suggerisco la mia visione per gli startup studio, che può far fronte a molte questioni.

2. Perché allora gli startup studio continuano a crescere a passi da gigante e perché l'autore non ha ancora perso il suo entusiasmo?

In questo capitolo sono riportati i principali vantaggi della creazione di startup all’interno degli startup studio, rispetto all'approccio tradizionale di creazione di startup.
1
La velocità: una catena di montaggio è più efficiente di una produzione manuale
Sviluppando framework per generare e validare idee, creare un MVP e lanciare un prodotto sul mercato, il processo produttivo diventa più veloce. Inoltre, avere capitale a disposizione per finanziare i round di investimento pre-seed o seed quando le startup raggiungono queste fasi, accelera la trazione. Secondo il GSSN Data Report 2022, il 79% degli studi ha offerto un capitale di partenza alle imprese che hanno creato, con una media di 476 mila dollari per azienda.

La mie ricerche indicano che le aziende degli startup studio raggiungono il round di investimento seed 2 volte più velocemente rispetto alle startup convenzionali (1,49 vs 3,03 anni) e impiegano il 41% di tempo in meno per i round Serie A (2.75 vs 4.68 anni), 44% per Serie B (3.7 vs 6,65 anni) e il 47% per Serie C (4.59 contro 8.67 anni).

2
Exit più rapide

Il mio studio, basato su 182 acquisizioni di startup provenienti dagli startup studio e 22 IPO, indica che ci vogliono 5 anni affinché le aziende degli startup studio vengano acquisite, il 33% più velocemente rispetto alle startup che non provengono dagli startup studio, e 7,5 anni per arrivare ad un’IPO in borsa, il 31% in meno di tempo.

Un esempio eclatante di una exit di successo proviene dallo startup studio Science lnc: la loro startup, Dollar Shave Club, è stata acquisita da Unilever per un miliardo di dollari. Ci sono voluti cinque anni per creare e far crescere la startup prima di questa vendita. Una delle loro attuali imprese, Liquid Death (fondata nel 2017), è stata valutata 700 milioni di dollari dopo un round di “serie D” nel 2022 e prevede di fare un’IPO in borsa nel 2024. Si verificano anche exit ancora più rapide: ad esempio ci sono voluti solo 8 mesi perché la startup Biller, dello startup studio Slimmer AI, venisse acquisita.
3
Accumulo di esperienza specifica nel settore + la condivisione di dati tra le startup del portafoglio (più efficace che all’interno dei fondi VC)

Avviare la settima startup nell’Agritech o nella Legaltech è molto più semplice che la prima. Saranno già stati realizzati dozzine di case study, identificati i problemi, già accumulati database di partner e clienti, ottenute le licenze e calcolate le metriche. Le aziende di uno startup studio possono quindi condividere questi dati, facilitando uno sviluppo più rapido l'una dell'altra. Poiché uno startup studio agisce come un vero cofondatore attivo, questa condivisione di dati è più facile da gestire rispetto a quella di startup provenienti dal portafoglio di un fondo VC.
4
Risparmi e condivisione delle risorse del team dello startup studio - 3-4 volte più economico dell'outsourcing

Una startup non ha bisogno di molti specialisti a tempo pieno. Sebbene le startup possano esternalizzare attività come il marketing, il design o lo sviluppo IT, assumere specialisti di un’agenzia costa tre-quattro volte di più. Anche i freelancer hanno una tariffa oraria significativamente più alta rispetto ai dipendenti a tempo pieno. In pratica, uno startup studio è come avere la propria agenzia a disposizione al prezzo di costo.
5
Efficacia dell’investimento: IRR più alto grazie a una equity più economica all'inizio, meno diluizione alle exit e exit più frequenti

Invece di investire 500.000 dollari come investore informale o come fondo VC specializzato in pre-seed per una partecipazione del 10% in una startup (supponendo una valutazione post-money di 5 milioni di dollari), puoi investire questi soldi nella costruzione di un’impresa che sarà valutata 10 milioni di dollari in 18 mesi, mantenendo una partecipazione del 25% in essa. In questo esempio, hai un TVPI (Total Value to Paid-In Capital) di 5x.

Ciò che potrebbe essere ancora più importante è la capacità di preservare questo livello di partecipazione durante i vari round di investimento successivi, fino alla exit. Un esempio è quello di Snowflake, che all'epoca ha avuto una delle IPO più importanti con una capitalizzazione di mercato di 70 miliardi di dollari. Questo è stato possibile grazie all’impegno di Sutter Hill Ventures, che aveva incubato la società sin dalla sua nascita e costantemente co-investito durante il suo sviluppo, consentendogli di detenere più del 20% della società.

Il white paper “Bringing ldeas to Life" dello startup studio Mamazen indica che nel 2020, uno startup studio ha analizzato le prestazioni di 186 startup provenienti da startup studio e di 607 startup provenienti da VC. La performance erano basate sulla valutazione alla exit e sugli anni trascorsi dalla fondazione alla exit - dati di seguito:
La ricerca è stata condotta da StudioHUB ed è stata descritta anche nel libro Startup Studio Manifesto di Farhad Alessandro Mohammadi.
6
Riduzione del rischio grazie alla possibilità di testare più idee e rapidamente scartare quelle che non funzionano

I venture studio testano centinaia di idee, scartando quelle non necessarie e concentrandosi su quelle promettenti. Spesso considerato come il primo startup studio, IdeaLab ha esplorato più di 5.000 idee, che hanno dato vita a più di 150 imprese e a più di 50 exit straordinarie.

Molti startup studio utilizzano un modello a fasi (il modello stage-gate) nel loro flusso di lavoro: diversi traguardi aprono l'accesso a finanziamenti e processi futuri. Se, in una qualsiasi fase, l'idea riceve un "semaforo rosso", allora l'investimento si ferma e l'attenzione viene spostata sul concetto successivo.

Esempio di un modello stage-gate da uno startup studio, Builders. Grazie, Michael van Lier, per la condivisione. Puoi approfondire come funziona il modello stage-gate leggendo il post di Michael

La matematica dietro il nostro Startup Studio

Gli imprenditori delle startup tradizionali spesso trovano difficile cambiare un’idea o effettuare un pivot, a causa del loro profondo attaccamento emotivo al loro concetto originale (che credono cambierà il mondo :grin:). Questo però porta all'esaurimento dei fondi prima di effettuare un pivot. Gli startup studio effettuano il pivot in modo freddo e calcolato.
7
Gli imprenditori possono dedicare più tempo alle attività aziendali principali
perché gli startup studio gestiscono la routine e offrono competenze settoriali e team di marketing o sviluppo per aiutare la startup a raggiungere più rapidamente il product-market fit. Invece di gestire compiti amministrativi come registrare la società, la redazione dei primi contratti con i clienti, l'impostazione delle e-mail di dominio, la contabilità, l'assunzione di subappaltatori o il trascorrere 3-6 mesi nella raccolta fondi pre-seed e seed, i cofondatori di startup di uno startup studio possono concentrarsi sull’avvio, sulle vendite, sulle interviste ai clienti, sullo sviluppo del prodotto e sulla espansione dell’azienda.
8
Opportunità di networking paragonabili a quelle degli acceleratori e dei fondi di VC

I venture studio hanno una vasta rete di investitori e di imprenditori. In confronto, gli imprenditori ordinari potrebbero non avere lo stesso livello di interesse o di connessioni con gli investitori, rendendo più difficile attrarre round di investimento e partenariati strategici.
9
Compatibilità psicologica - imprenditorialità parallela anziché seriale

Bill Gross, il fondatore di ldealab, condivide che piuttosto che creare un'azienda, venderla e poi crearne un'altra, voleva svilupparle in parallelo. Questo ha portato alla nascita del primo startup studio al mondo e al concetto di imprenditorialità parallela. Secondo Jack Abraham le persone più intelligenti si dividono in due gruppi: quelli molto concentrati su una sola cosa (e devono assolutamente eccellere) oppure quelli che lavorano su molte cose e con molte persone diverse e traggono energia dal fare qualcosa da “zero-a-uno”.
Perché sonocosì ossessionato dagli startup studio?

Ho venduto la mia prima impresa quando avevo 17 anni. A 30 anni avevo sperimentato 30 idee imprenditoriali, molte delle quali in parallelo. Ho contato solo quelle in cui ho messo almeno 2 settimane della mia attenzione, anche se la maggior parte di queste sono state avviate senza capitale. Fin dall'adolescenza, la mia mente è stata traboccante di idee imprenditoriali che mi vengono senza sforzo: i miei occhi si illuminano immediatamente e adoro iniziare nuovi progetti. Divento rapidamente ossessionato nei primi mesi di avvio di un progetto: questa è la mia forza. Ciò non significa che non posso giocare sul lungo termine: mi ci sono voluti quattro anni (2010-2014) di lotta, sforzi e umiliazioni :grin: prima che la mia seconda impresa, POGUMAX, diventasse redditizia. Poi la mia azienda successiva (parallela) ha raggiunto la redditività in un anno.

Prima di scoprire il mondo degli startup studio, sognavo un team che testasse sistematicamente le idee e trasformasse quelle più promettenti in startup. Se potessi farlo professionalmente come uno startup studio, probabilmente potrei testare ben più di 30 idee con un tasso di successo molto più alto del 10%!

Max Pog

Imprenditore 3X

LinkedIn

X

YouTube

3. Interesse degli investitori negli startup studio e IRR raddoppiato

Al fine di mostrare alcuni startup studio importanti e i loro investimenti nell'immagine qui sotto, ho ripreso la tabella originale di Enhance Ventures e ho aggiornato i dati: un accordo da 320 milioni di dollari a maggio 2023 presso Atomic e un’accordo da 200 milioni di dollari presso Expa nel 2022.Ho anche aggiunto Juxtapose con 500 milioni di dollari di AUM e High Alpha con 260 milioni di dollari per l’insieme dei loro fondi e startup studio. Ciò dimostra che gli startup studio possono raccogliere centinaia di milioni da numerosi VC, tra cui Marc Andreessen (Atomic), Peter Thiel (Atomic), Jeff Bezos (PSL) e Richard Branson (Expa, fondata da Garrett Camp, il co-founder di Uber). Science ha avviato il suo Rolling Fund su AngelList. Questo elenco è ancora incompleto e omette alcuni startup studio a causa della mancanza di open data.
Crediti: Enhance Ventures per la tabella originale. Ulteriori dati sono stati raccolti da Crunchbase e dai siti web degli startup studio.
Gli startup studio hanno raccolto 21 miliardi di dollari di finanziamenti, ma la distribuzione è altamente concentrata: i primi 5 startup studio finanziati ricevono la metà del denaro e i primi 20 ne ricevono l’80%. Questa tendenza sta iniziando a cambiare, con un crescente numero di startup studio che ottengono finanziamenti, grazie al crescente riconoscimento del modello". - StudioHub, State of The Venture Studio Ecosystem, 2022.

Alper Celen

Fondatore di Enhance Ventures

Secondo il Venture Studio lndex Database, 823 (su 1843) startup dei venture studio hanno attirato un totale di 70 miliardi di dollari.
E per quanto riguarda gli IRR? In un'intervista, Jack Abraham, cofondatore di Atomic, ha rivelato l'impressionante IRR (Internal Rate of Return) del loro startup studio, pari al 65%.

Carlos Gamboa, managing partner di Fisher Venture Builder, ha condiviso in un’intervista che i loro primi investitori hanno ottenuto rendimenti maggiori di 50x. Alper Celen, cofondatore dello startup studio Enhance Ventures, ha rivelato che il loro IRR era del 72%. Ho anche intervistato Polina Flink, direttore generale del venture builder Digital Native, che vanta un IRR del 100% grazie a diverse exit di successo.

La GSSN ha intervistato 258 startup create da startup studio della loro comunità e ha confrontato il Internal Rate of Return e il TVPI (Total Value to Paid In) con le startup tradizionali: i risultati sono riportati nella tabella seguente. Inoltre, possiamo confrontare il TVPI con le performance degli acceleratori. Il TVPI di 5,8x delle startup degli startup studio è uguale a quello delle startup di Y Combinator 2010-2020 secondo lo studio di PitchBook "Quantifying the Success of YC and the Largest Accelerators: Takeaways for VCs, LPs, and Startups" ed è superiore a quello di Techstars (2,3-3,3x), di 500 Global (3x) e di SOSV (2,2x).
Ricerche non direttamente correlate agli startup studio, ma condotte su 850 fondi di venture capital, producono risultati favorevoli anche per gli startup studio. Lo studio condotto dalla VC Platform Global Community mostra una correlazione tra i fondi VC che hanno una percentuale significativa (oltre il 10%) di ruoli di "piattaforma" all'interno della loro squadra e un valore dell’IRR netto più elevato. I ruoli di piattaforma includono funzioni specifiche che non sono direttamente legate all’investimento, ma che aiutano le startup in portafoglio. Aiuto che va dal marketing e la creazione della community, al recruiting e lo sviluppo commerciale.
Le società con una Piattaforma Significativa nell'ultimo decennio hanno prodotto un miglioramento di 1.100 punti base nel Net IRR (Tasso Interno di Rendimento Netto) e 0.5x nel TVPI (Total Value to Paid-In) rispetto alle società senza Piattaforma.
Quante startup create da startup studio ricevono investimenti?

Un sostanziale 84% delle startup avviate dagli startup studio si assicura finanziamenti seed, e il 72% di esse procede ad assicurarsi un round di “serie A”, secondo la GSSN. Le startup tradizionali, invece, mostrano numeri meno impressionanti: solo il 42% di quelle che superano la fase di seed riesce ad accedere a un round di “serie A”.
Il 60% di tutte le startup avviate dagli studio raggiunge il round di “serie A”. Dai dati del white paper di GSSN Disrupting the Venture Studio Landscape
I progressi compiuti dallo startup studio eFounders (ora parte di Hexa) che sviluppa startup B2B SaaS per il futuro del lavoro sono particolarmente affascinanti – 3 unicorni (Spendesk, Front, Aircall) su 35 aziende. La cronologia seguente illustra la loro evoluzione nel corso degli anni, dalla crescita del fatturato, al numero di aziende avviate, dalle dimensioni del personale, fino alla valutazione totale delle aziende che hanno creato:
Lo startup studio eFounders (Hexa) e i suoi dati per 12 anni di attività (fonte, dove troverete anche i link a una serie di lettere annuali di Thibaud Elzière, cofondatore di eFounders). Se osservate i numeri sul grafico, noterete che la valutazione e l'ARR (Annual Recurring Revenue) aumentano in modo esponenziale.
"Questo ci ha fatto capire che, avviando un’impresa all’interno di uno startup studio Hexa, aumenti le tue possibilità di creare un unicorno del 1000%. Non meno."

Thibaud Elziere
Fondatore di Hexa
Sono molto impressionato da ciò che i fondatori di eFounders, Thibaud Elzière e Quentin Nickmans, hanno deciso di fare. Infatti, dopo aver fondato lo startup studio iniziale, ne hanno avviati altri due, ciascuno mirato a un settore diverso (FinTech e Web3). Ora stanno creando un "meta-studio" chiamato Hexa. Questo mi ha ispirato e ho anche in programma di lanciare qualcosa di interessante per gli startup studio: un fondo che investe negli startup studio in fase di avvio e un incubatore per startup studio (maggiori dettagli nella sezione 17).

4. Fondo di VC, acceleratore, incubatore e startup studio: differenza e confronto dell'efficacia in termini di investimento

1
I fondi di Venture Capital o capitale di rischio (VC)
I fondi di VC investono in startup che hanno già dimostrato il loro valore e hanno il potenziale per una crescita centuplicata. Generalmente non intervengono nelle operazioni quotidiane della startup, ma possono offrire la loro competenza e opportunità di networking. Da notare che, tra i modelli esaminati, i fondi di VC sono i più distanti dal modello di startup studio.
2
Gli acceleratori
Accolgono startup che hanno già un prototipo o un MVP e talvolta anche i primi ricavi. Le potenziano con un supporto per 3-6 mesi e aiutano le startup ad attrarre investimenti. L’assistenza di un acceleratore in genere si conclude quando la startup inizia ad attrarre clienti o organizza un Demo Day con gli investitori.
3
Gli incubatori
Supportano le startup nelle fasi iniziali e le aiutano a perfezionare la loro idea, a formare un team e a lanciarsi sul mercato. In genere, gli incubatori e gli acceleratori offrono un programma di accompagnamento e formazione strutturato a cui possono partecipare contemporaneamente decine di startup.
4
Gli startup studio
Non si limitano a dare un semplice supporto alle startup. Le creano assieme agli imprenditori e allocano le loro risorse tra i vari progetti. Si prendono la piena responsabilità dell’attività e del suo sviluppo come cofondatori a tutti gli effetti, dall'inizio e sino al raggiungimento del product-market fit, al raggiungimento dell’autosufficienza, all’attrazione di investimenti esterni o qualsiasi altra fase scelta dallo startup studio stesso. Per esempio, eFounders spende 12-18 mesi lavorando ad ogni startup per arrivare a renderla indipendente dallo startup studio. Come segnalato nel GSSN Data Report 2022, gli startup studio supportano le loro startup per 11-24 mesi, senza costi aggiuntivi per esse
Per spiegare la differenza tra i modelli, possiamo fare riferimento alla descrizione del venture studio Palta (sotto nello screenshot). Hanno creato l'app per la salute femminile più popolare, Flo, con 280M+ di download; l’app di editing video e foto Prisma e Lensa (100 milioni+ di download totali). Nel 2021, Palta ha raccolto 100 milioni di dollari in un round di investimento “series B”.
Tornando alla questione dell'efficienza degli investimenti, Sarah Anderson, fondatrice del Vault Fund - un fondo per gli investimenti in venture studio - illustra la differenza tra il formato e l'efficienza degli investimenti realizzati negli startup studio, negli acceleratori, negli incubatori e nei fondi di VC di fase iniziale e avanzata (early & late stage):

In base ai dati della pipeline del Vault Fund. Estratto dal webinar Stato del mondo dei Venture Studio, 2022
Nella diapositiva seguente, Francisco Gomez, partner del Vault Fund, evidenzia la differenza nel ritorno sugli investimenti utilizzando la quotazione da 1,6 miliardi di dollari di Hims & Hers come esempio. Atomic, il venture studio che ha avviato questa startup, ha fornito un ritorno di 150x+ ai suoi investitori, mentre Forerunner Ventures, che ha investito nella stessa startup allo stadio del serie A, ha ottenuto un rendimento del 22x.

5. Perché i venture studio prendono una percentuale maggiore nelle startup rispetto agli acceleratori?

Gli incubatori e gli acceleratori ricevono generalmente dal 5% al 10% di equity di ogni startup. Lavorano contemporaneamente con 20, 50, o anche più di 100 startup. L’ultimo gruppo di Y Combinator, ad esempio, ha incluso più di 210 startup. Con un tale carico di lavoro, è impossibile essere praticamente coinvolti in ogni startup. In confronto gli startup studio avviano di solito da 3 a 5 nuove startup all’anno; quelli maturi possono puntare a più di 10 nuove startup ogni anno.

Il team dello startup studio si impegna molto più a fondo con le startup rispetto a quello degli acceleratori per quanto riguarda il tempo dedicato, le risorse allocate e il coinvolgimento dei dipendenti. Ogni startup riceve il supporto dalla squadra dello startup studio equivalente a 2-5 dipendenti a tempo pieno durante il periodo di coinvolgimento attivo dello startup studio. Per questo motivo, in qualità di cofondatori a tutti gli effetti sin dall'inizio, i venture studio detengono in genere una partecipazione nella startup tra il 20% ed il 40% del capitale, a volte di più, raramente di meno.

Alcuni venture builder possono prendere fino all'80% di una startup, soprattutto quando non hanno bisogno di attrarre investimenti esterni e sono pronti ad investire fino all’exit, come può accadere nel caso dei corporate studio. È però importante notare che una quota di capitale maggioritaria di uno startup studio (50%-90%) rende molto difficile attrarre investimenti esterni e cofondatori esperti con una vera mentalità imprenditoriale.
"Gli startup studio sono come genitori che danno alla luce un bambino, lo fanno crescere come figlio loro, prendono le proprie decisioni per lui/lei e lo preparano per una vita indipendente da adulto."

Attila Szigeti
Autore di “Startup Studio Playbook"
Lo startup studio eFounders, le cui startup hanno raggiunto una valutazione totale di 5 miliardi di dollari lo scorso anno, inizialmente deteneva il 66% delle quote, poi è passato al 50% (lo startup studio deteneva il 25% delle quote come terzo cofondatore e il 25% come investitore per 250-700 mila euro; il restante 50% andava ai due cofondatori della startup. Nel 2017 hanno mantenuto solo il 33% delle quote, dando il 66% ai cofondatori.

Builders, uno startup studio con sede a Rotterdam, implementa anche lui il modello di divisione del capitale tra il CEO, il CTO e lo studio, ciascuno dei quali ottiene il 33,33%.

Secondo l'indagine del GSSN, in media gli startup studio prendono il 34% del capitale azionario.

6. Fonti di idee negli Startup Studio

Matthew Burris, partner di Venture Studio Associates, afferma che ci sono quattro ruoli negli startup studio: fondatore (valida le idee e poi porta un cofondatore o CEO nella startup), cofondatore (inizia insieme agli imprenditori), cofondatore in ritardo (si unisce al team di una startup con una trazione iniziale), rifondatore (acquisisce una startup o una tecnologia e rilancia un’impresa). Per i ruoli di fondatore e cofondatore, il processo di ideazione avviene all'interno dello studio.
Funnel: sono necessarie 30-100 idee analizzate ad alto livello prima di avviare un'impresa.
Imprese lanciate: la maggior parte degli startup studio avvia non più di 4 idee all'anno.
Dati tratti dal libro Venture Studios Demystified”.
Il fondatore di uno startup studio che ho intervistato, ha condiviso che da 30-40 ipotesi, si formano solo 3-4 imprese. Trovare nuove idee non è davvero un collo di bottiglia in uno startup studio. I fondatori e i team degli startup studio lo fanno in modo efficiente. L'elenco delle idee del venture studio Atomic, ad esempio, è passato da 600 nel 2021 a più di 1000 idee nel 2023.
Ho trovato, in proposito, anche una lunga lista di fonti di idee per uno startup studio redatta da Max Volokhoff, Chief R&D Officer presso Mitgo (un’azienda che include uno startup studio, un acceleratore e un fondo di venture capital):
1
Interviste con esperti esterni.
2
Top management dell'azienda e imprenditori residenti.
3
Organizzazione di sessioni di brainstorming specifiche per tema utilizzando il GIST e altri framework e matrici per la priorizzazione delle idee.
4
Crowdsourcing: diffusione e promozione di un modulo per la raccolta di idee all'interno di un'azienda; concorsi.
5
Esperto di settore: ricerca e compilazione di liste di progetti e idee interessanti in aree e settori specifici.
6
Analista VC: monitoraggio, raccolta e generazione di idee a partire da fonti di venture.
7
Analista di mercato per il mercato cinese: mantenere il passo in un ambiente dove c'è una sovrabbondanza di informazioni.
8
Data scientist e Sociologo: individuare ulteriori applicazioni basate sui dati dei progetti.
9
Ricerca di team con idee in fase iniziale e invito a unirsi allo startup studio per ulteriori sviluppi e crescita accelerata.
Copycat (Imitatore)? Rocket Internet, famosa e criticata per la sua esplicita strategia imitativa, è stata in grado di costruire enormi imprese, alcune delle quali con una valutazione superiore a quella delle originali. Tuttavia, la strategia copycat potrebbe non essere un'eccellente strategia a lungo termine. Come commenta Jack Abraham, questo approccio attrae diversi tipi di persone: più mercenari che individui guidati da una missione.

AI. Presto, potremmo vedere l’emergere di strumenti di intelligenza artificiale di alta qualità per generare idee per startup (ancor meglio se basate su problemi reali). Ho usato GPT-4 un paio di volte per generare idee di startup (in aree a me sconosciute) e poi ne ho discusso con gli ospiti durante le interviste: non ho ottenuto nulla di prezioso. Come ha detto uno dei miei ospiti, “ChatGPT è molto più bravo nella poesia che nel generare nuove idee." :grin:

7. Cosa può offrire uno startup studio ai cofondatori? Chi frequenta i venture studio? Prospettive degli EIR (Entrepreneurs In Residence)

I cofondatori possono realizzare maggiori guadagni o plusvalenze al momento della exit della startup. Gli imprenditori entrano a far parte di uno startup studio per ottenere un cofondatore a tutti gli effetti dotato di esperienza, risorse finanziarie, risorse di marketing e processi collaudati per validare le idee, creare MVP e lanciare un prodotto sul mercato. Tutto ciò aumenta le probabilità di successo e accelera la trazione della startup, portando ai vantaggi di cui sopra.

Purpose Built Venture Studio ha creato un modello finanziario per aiutare gli imprenditori a rispondere alla domanda: "Guadagnerai più soldi con uno startup studio o senza?"

"Con un aumento presunto del 3% nella probabilità di successo, un founder che lavora con uno startup studio che potrebbe permettergli di saltare metà di un round di diluizione, finisce per ottenere un risultato finanziario migliore del 44% rispetto alla creazione di un’impresa senza uno studio”. Puoi giocare con le cifre qui utilizzando questo simulatore e ottenere altri risultati.
Grazie a Miles Lasater, CEO e Socio Fondatore di Purpose Built Venture Studio, per aver condiviso questo modello.
I modelli e le ipotesi possono variare, ma per gli imprenditori il valore finale di uno startup studio rimane quello di ottenere più soldi con una maggiore probabilità di successo.

Lo startup studio come partner. Gli imprenditori non sono costretti a rischiare tutto il loro capitale per avventurarsi nell'ignoto; possono condividere i rischi con dei partner, aumentando le probabilità di successo. Le aziende con tre o quattro cofondatori diventano unicorni con una probabilità maggiore del 78%, mentre quelle con un solo fondatore hanno il 38% di probabilità in meno. Di conseguenza, uno startup studio rappresenta una ottima scelta come partner.
Di seguito il profilo delle persone che si uniscono come cofondatori alla costruzione di nuove imprese con gli startup studio:
1
Imprenditori esperti (bootstrappers) che vogliono costruire un’impresa per la prima volta e sono alla ricerca di idee per unicorni
Lo startup studio può proporre di implementare collaborativamente una delle sue idee e di integrare l'eventuale esperienza mancante nella creazione di impresa e nella raccolta fondi.
2
Imprenditori con esperienza pregressa (senza successo*)
Consapevoli delle difficoltà legate alla creazione di una startup e alla raccolta fondi, questi imprenditori possono mitigare i rischi, risparmiare denaro e delegare molte operazioni e compiti di raccolta fondi allo startup studio. *Altrimenti, se hanno già avuto una exit di successo, potrebbero fare meglio avviando loro stessi uno startup studio :grin:
3
Esperti in una nicchia specifica senza esperienza imprenditoriale
Steve Blank, l'autore del concetto di “Customer Development” (in seguito reso popolare da Eric Ries nel suo libro “The Lean Startup”), raccomanda che un astro nascente che lavora in un'azienda manifatturiera di medio livello opti per uno startup studio piuttosto che per un acceleratore o un incubatore.
4
Dirigenti con più di 10 anni di esperienza che hanno deciso di creare imprese
CTO, CPO, CMO e persino CFO (in particolare se si uniscono a un venture builder che si concentra sul FinTech) possono portare un ricco bagaglio di competenze e una vasta rete di contatti nel loro campo, ma potrebbero invece non avere esperienza imprenditoriale.
5
Leader con eccezionali competenze di vendita che aspirano a creare startup tecnologiche ma non hanno competenze tecniche
Queste persone possono sia cercare un CTO, sia unirsi a uno startup studio dove, oltre ai processi razionalizzati per l’avvio di una startup (+ operations), possono aver accesso a un gruppo di sviluppo IT.
Concedere una quota significativa della società a uno startup studio crea agli imprenditori un dilemma simile a quello di scegliere tra iniziare l’impresa da soli o con altri cofondatori.

Io considererei la prospettiva di entrare a far parte di uno startup studio in funzione di ciò che potrebbe aumentare le mie possibilità di successo: uno o più cofondatori o uno startup studio con i suoi vantaggi. Matthew Burris dimostra che un fondatore può avere il 4% in più di equity nominale (che è il 23% in più in termini relativi) dopo un round di “serie A” se sceglie di collaborare con uno startup studio invece che con un singolo cofondatore.

8. Quali sono i tre tipi di imprenditori che cercano gli startup studio? Profilo del cofondatore ideale

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non sono solo gli imprenditori alle prime armi ad avvicinarsi agli startup studio. Dalle risorse già elencate e dalle mie conversazioni con gli startup studio, emerge che loro cercano soprattutto fondatori esperti (e lo fanno con successo).
"Reclutare i migliori talenti per eFounder e per le nostre aziende. Facciamo del nostro meglio per reclutare persone "A", cioè persone migliori di noi.
Questa è la nostra regola numero 1, perché sappiamo che se iniziamo a reclutare persone “B”, molto presto l'impresa sarà piena di persone “C”."
- Thibaud Elzière in eFounders Letter #1

Lo stesso approccio al reclutamento di individui “A” è sostenuto nel libro Who: Solve Your #1 Problem.

Thibaud Elziere
Fondatore di Hexa
Le categorie di potenziali cofondatori di startup in uno startup studio, viste dal punto di vista degli startup studio, sono:
1
Fondatori seriali con exit.

Molti VC investono "quasi ciecamente" in fondatori con precedenti exit, a causa della probabilità di successo della loro quarta-quinta impresa, che è due volte più alta rispetto alla loro prima startup; quasi l'80% degli unicorni ha avuto almeno un cofondatore con precedente esperienza; i VC generano rendimenti più elevati quando supportano imprenditori seriali.

Analisi di Benn Stancil, fondatore e CTO di Mode, basata sui dati di Crunchbase

Per gli startup studio, attrarre imprenditori che hanno già realizzato un exit può essere complicato, poiché questi ultimi percepiscono generalmente meno valore negli studi rispetto ai numerosi fondi d'investimento che li sollecitano. Tuttavia, la ricerca indica che, sebbene le società di VC di alto livello generalmente aumentino le probabilità di successo, una startup fondata da un imprenditore di comprovata esperienza non garantisce necessariamente un finanziamento superiore da parte di un VC rispetto ad altre fonti. Questo permette quindi agli startup studio di dimostrare il loro valore agli imprenditori esperti. Come attrarli? Affronterò questa domanda nelle sezioni 15 e 16, condividendo anche la mia visione sui nuovi studi.
2
Fondatori esperti senza risultati significativi o con fallimenti passati

Come condiviso da uno dei fondatori di uno startup studio, questi imprenditori capiscono le difficoltà della raccolta di fondi e la intrinseca imprevedibilità delle startup; quindi, vedono considerevoli benefici nell'iniziare con a fianco uno startup studio. Di solito, ogni impresa successiva ha una probabilità superiore di raccogliere fondi, come indicato nella tabella qui sotto. “Nonostante questi primi fallimenti, le aziende create successivamente da imprenditori seriali hanno più successi delle aziende create dagli imprenditori alla loro prima impresa”
Analisi di Benn Stancil, fondatore e CTO di Mode, basata sui dati di Crunchbase
3
Dirigenti senior ed esperti in un particolare settore senza esperienza imprenditoriale

Alcuni fondatori di venture studio ritengono che questa sia la categoria più rischiosa, poiché essere un grande specialista e un imprenditore richiede competenze diverse. Tuttavia, questo può anche funzionare se:

  • I dirigenti soddisfano i seguenti criteri: avere alcune competenze ed esperienze ricercate dagli startup studio. Approfondirò questo aspetto nella sezione del “Profilo del cofondatore ideale” di seguito. Durante le mie ricerche sull'argomento, mi sono imbattuto in un elenco di domande di VC sul come valutano i fondatori seriali rispetto a quelli alla prima impresa. Sebbene molte aziende non considerino i fondatori iniziali un ostacolo alla conclusione dell’accordo, stabiliscono un livello più alto per loro per quanto riguarda i “vantaggi sleali”, la loro capacità di essere guidati, al loro percorso e alle opportunità di mercato.

  • Un'altra opzione è se uno startup studio affida il ruolo di CEO a un altro imprenditore esperto e porta contemporaneamente un esperto di nicchia (o CTO) come secondo o terzo co-fondatore.

  • E se mitigassimo questo fattore di "prima volta" concentrandoci su professionisti di 45-50 anni, che hanno quasi il doppio del tasso di successo in affari rispetto a quelli di 30 anni? Potrebbe essere un trucco sottovalutato :grin:.
James Moran, cofondatore di YipitData, investitore e autore del Venture Studio lndex, afferma che secondo i loro dati i CEO delle startup di venture studio di maggior successo tendono ad essere:

  1. Imprenditori seriali che cercano di avviare nuovamente una startup.
  2. Vicepresidenti di grandi gruppi provenienti da aziende tecnologiche di medie e grandi dimensioni.

Profilo del cofondatore ideale. Elliott Parker, CEO di High Alpha lnnovation, ha condiviso che loro sono principalmente interessati a due criteri:"1) la capacità di formare e gestire un team e 2) la capacità di convincere investitori, partner, dipendenti e clienti a salire a bordo e sostenere l'impresa. In sintesi, il candidato fondatore è in grado di formare un team, guidarlo e raccontare una bella storia?"

Uno studio mi ha condiviso la domanda essenziale che si pone durante la valutazione di un candidato EIR: "Il fondatore è finanziabile?" Per un altro startup studio, la principale domanda posta in un colloquio EIR è: "Qual è il trucco più importante che hai implementato in un'azienda?". Questo permette di filtrare i veri imprenditori, che devono essere in grado di trovare soluzioni non convenzionali per cogliere opportunità.
L'elenco dei criteri dal libro Venture Studios Demystifìed
Per quanto riguarda i ruoli, gli startup studio cercano principalmente un CEO; spesso viene ricercato anche un CTO. Se consideriamo lo startup studio attraverso il modello "hipster, hustler e hacker", allora tutti i ruoli sono rappresentati.

Elliott Parket, nell'intervista per il libro Startup Studio Manifesto, ha scritto: "Quando iniziamo a formulare ipotesi per creare una startup, ci sono tre ruoli che dobbiamo riempire. Abbiamo bisogno di qualcuno che prenda decisioni per l'azienda, qualcuno che sia responsabile del prodotto e qualcuno che si occupi dell'esperienza del cliente. A volte, questi tre ruoli possono essere ricoperti da una sola persona, e altre volte, abbiamo bisogno di tre persone o più. Generalmente, ci sforziamo di avviare imprese con almeno due cofondatori”.
Come costruire un funnel per attirare i fondatori? Gli startup studio organizzano programmi dedicati, simili a quelli degli incubatori e degli acceleratori, con l'obiettivo di identificare i migliori cofondatori possibili. È fondamentale avere una rete capillare, ma è altrettanto cruciale stabilire un approvvigionamento coerente di possibili candidati da fonti diverse: headhunter, offerte di lavoro, canali pubblicitari e passaparola. Infine, gestire un proprio canale YouTube o un podcast e invitare fondatori e investitori a interviste è una strategia eccellente (se sai cosa faccio :grin:)
Quando un venture builder raggiunge il successo, chiaramente trovare imprenditori gli diventa più facile. Lo startup studio eFounders, dopo cinque anni di attività, riceveva 1800 curriculum all'anno, ma si sforzava comunque nel continuare a costruire il proprio marchio personale di "datore di lavoro", per attirare candidati di alto livello, tra i quali selezionare i migliori.

9. Tre principali strutture degli startup studio: una società holding, un fondo e un modello a due entità.

Esaminiamo brevemente le diverse strutture degli startup studio. Per una panoramica dettagliata delle strutture degli startup studio, dei vantaggi e degli svantaggi, fare riferimento all'articolo "Understanding Startup Studio Structures" di John Carbrey, fondatore e Direttore Generale di FutureSight, e al white paper del Vault Fund.
1
Società holding

Questa struttura è semplice: uno studio che crea e finanzia aziende, acquisendo una partecipazione in esse. Inizialmente, lo studio attira investimenti offrendo una partecipazione agli amministratori (in inglese LPs o Limited Partners, o investitori) nella società holding. Se la giurisdizione è negli Stati Uniti, la configurazione coinvolge generalmente una LLC come società madre, con società controllate C-corp per le aziende. A proposito, ho intervistato un avvocato specializzato in startup/VC discutendo la strutturazione e le implicazioni fiscali (così come i requisiti per un'esenzione fiscale di $10M) degli studio di startup negli USA.
2
Fondo che agisce come uno startup studio

Questa è una struttura semplice e comprensibile per gli amministratori (in inglese LPs o Limited Partners), rendendo più facile attrarre fondi dagli investitori. C'è l'opportunità di ricevere una commissione di gestione (tipicamente il 2% all'anno del capitale per 10 anni) e guadagnare un riporto (solitamente il 20%) - una parte dei profitti degli investimenti dopo aver restituito l'importo iniziale agli investitori. Tuttavia, affinché la commissione di gestione copra i costi operativi dello studio (assumendo $1M all'anno), il volume del fondo dovrebbe essere di almeno $50M. Tutti i fondi, inclusi i soldi dei fondatori e il capitale acquisito dagli investitori, sono contenuti all'interno del fondo. Anche tutte le azioni delle aziende appartengono direttamente al fondo.
3
Modello a due entità: società holding + fondo (considerato come la struttura più efficiente)

Questa è una struttura doppia in cui lo studio e il fondo sono entità separate. Lo studio riceve azioni ordinarie al lancio delle aziende, mentre il fondo riceve azioni privilegiate quando investe nelle aziende. Per coprire le spese dello studio (una commissione del 2% di solito non è sufficiente), lo studio può prelevare parte del capitale dal fondo (così il fondo possiederà una quota nello studio) oppure attrarre separatamente investitori indipendenti dal fondo.
Le società holding e i modelli a due entità sono i più comuni per formare gli startup studio. Potrebbe essere più facile iniziare con una società holding e, dopo aver dimostrato l'adattabilità dello studio al mercato, passare al modello a due entità, come suggerirò nella sezione 16. Costituire un fondo vicino a uno studio può costare dai $30K ai $200K in spese legali, quindi la dimensione di un fondo deve giustificare le spese. Allocare $100K per spese legali da un fondo che parte da $10M+ può essere una scelta ragionevole.

Altre variazioni, come l'aggiunta di un consorzio di investitori informali (in inglese “angel syndicate” per “club deals” o investimenti collettivi) per i round successivi tramite società veicolo (in inglese Special Purpose Vehicle o SPV) per mantenere il potere di voto e monetizzare i diritti pro-rata tramite interesse portato, sono descritte negli articoli "Sidecar funds, corporate vehicles, club deals" di Quentin Nickmans, fondatore di eFounders (Hexa), e "Understanding Startup Studio Structures" di John Carbrey.

10. Quali flussi di entrate supportano uno startup studio oltre agli investimenti? 5 fonti di flusso di cassa dello studio

1
Exit tramite Fusioni e Acquisizioni o Offerta Pubblica Iniziale sono il modo principale di generare profitti, su cui la maggior parte degli startup studio conta.
Tuttavia, aspettare una exit può richiedere tempo e può essere rischioso con un piccolo numero di aziende, quindi ci sono altri modi per sostenere le operazioni dello studio:
2
Fatturazione diretta – fatturazione delle aziende per i servizi
Una volta che un'azienda diventa indipendente (ad esempio, dopo aver ricevuto un investimento esterno di tipo seed o Series A) e utilizza i servizi dello studio, lo studio può fatturare loro per coprire i propri costi. Questa pratica è comune, secondo gli autori del libro "Venture Studios Demystified". Alcuni studio addebitano alle aziende, subito dopo l'incorporazione, il che solleva la domanda: perché hanno preso una partecipazione in primo luogo? La maggior parte degli studio addebita dopo lo spin-out, spesso per servizi specifici che di solito sono molto più economici rispetto alle agenzie esterne o forniti al costo.
3
Commissione di gestione + riporto
Gli startup studio con un fondo nella loro struttura possono addebitare una commissione per la gestione dei fondi dei loro amministratori (in inglese LPs o Limited Partners). Questo ammonta tipicamente al 2% all'anno del volume del fondo, come nei fondi di rischio tradizionali. Inoltre, in caso di investimento di successo da parte del fondo, lo studio può ottenere un riporto, una ricompensa per il successo, solitamente il 20% del profitto dopo aver restituito gli investimenti agli investitori.
4
Costruzione congiunta con le aziende, consulenza ed esternalizzazione del team dello studio
Alcuni studio, evolutisi da agenzie esistenti, continuano a generare entrate da progetti esterni mentre dedicano tempo del team allo sviluppo dei propri prodotti. Ad esempio, l'agenzia digitale portoghese Dengun, che aveva lavorato esclusivamente per altri dal 2009, ha lanciato il proprio startup studio nel 2019.

A volte, la situazione può essere invertita. Uno startup studio di successo potrebbe attirare l'attenzione di imprese e altre aziende, portando a richieste di “aziende on demand” o servizi di consulenza. Almeno due startup studio con cui ho comunicato hanno accettato tali offerte. Hanno notato che i ricavi del contratto coprivano le spese dell'intero team, lasciando anche tempo sufficiente per i loro progetti proprietari.
5
Flusso di cassa dalle aziende, dividendi
Lo studio può potenzialmente guadagnare entrate dai dividendi creando aziende che alla fine si auto-finanzieranno e genereranno profitto. Le agenzie digitali, considerando la creazione dei propri prodotti, di solito contano su questo approccio.

Sviluppatori di applicazioni mobile, game studio ed editori, studi di produzione, case editrici di libri e centri educativi che producono numerosi corsi online adottano anche le strategie degli startup studio. Utilizzano metodologie consolidate per razionalizzare la creazione e il lancio di nuovi prodotti, concentrandosi solitamente sulla massimizzazione dei dividendi (anche se potrebbe non essere una priorità aumentare la valutazione di un'azienda).

11. Quanto capitale richiede uno startup studio? 5 fonti di finanziamento per gli studio

Attila Szigeti, autore dello Startup Studio Playbook, ritiene che uno startup studio di successo dovrebbe disporre di fondi sufficienti per coprire le spese operative per 10-15 startup lanciate nei primi 2-3 anni. Il capitale stimato richiesto per avviare un venture studio varia da 2 milioni di dollari a 10 milioni di dollari, secondo diversi esperti (con un massimo, da quanto appreso finora, di 25 milioni di dollari). Suggerirò un approccio più snello nelle sezioni 15-16 (Ho creato abbastanza intrigo? :grin:)
1
Soldi dei (co-)fondatori
è la fonte di finanziamento iniziale più logica per le fasi iniziali, poiché attirare investitori per un qualcosa in gran parte sconosciuto senza alcuna prova che abbia mercato può essere difficile. Gli startup studio di maggior successo, come Idealab, Science, Rocket Internet ed eFounders, sono stati lanciati utilizzando il capitale proprio dei fondatori.
2
Investitori Informali (in inglese “Angel Investors”) e Family Office
con fiducia nel tuo team potrebbero fornire il capitale iniziale. Dopo aver dimostrato la presenza di un mercato e profitti, e aver lanciato startup promettenti, sarà possibile raccogliere fondi da una cerchia più ampia di investitori di capitale di rischio (VC, o venture capital). Secondo Dianna Lesage, esperta di startup studio e Community Manager di Metaversal, la maggior parte degli startup studio raccoglie da 2 a 5 milioni di dollari nel primo round d’investimenti durante un periodo di raccolta fondi di 6-12 mesi.
3
Fondi di Capitale di Rischio (VC Fund) e Fondi per gli Startup Studio
Sebbene alcuni fondi di capitale di rischio possano investire negli startup studio (ad esempio, 14 diverse società di VC hanno investito in PSL Studio), i fondi specializzati che investono solo negli startup studio sono pochissimi: c'è il Vault Fund come pioniere (hanno fatto 5 investimenti a luglio 2023 e prevedono di farne altri 5) e Alper Celen, partner fondatore di Enhance Ventures, ha condiviso i piani per avviare un fondo da $25M per startup studio in partnership con GSSN. Io stesso ho in programma di lanciare un fondo per investire in startup studio, e sono attualmente alla ricerca di un partner (inviti all’azione nella sezione 17).
4
Denaro delle Corporazioni
Grandi aziende creano i propri startup studio, ad esempio, P&G Ventures e Jaguar Land Rover, che nel 2016 hanno avviato InMotion Ventures creando due aziende e investendo in altre 21 (con 6 exit in totale). Alcuni startup studio si concentrano sulla creazione di aziende per le corporazioni, ad esempio, Coplex, BCG Digital Ventures (parte di BCG X) e Corporate Lab (una sussidiaria del gruppo di aziende VIKO).

Secondo il GSSN Data Report 2022, il 20% degli startup studio opera all’interno di corporazioni e il 44% co-costruisce con loro.

Jordan Schlipf, il cofondatore di Rainmaking Venture Studio, ha affermato in una intervista che le corporazioni che costruiscono aziende internamente hanno un tasso di successo dell'8%. Inoltre, impiegano il doppio del tempo e richiedono 4 volte l'investimento rispetto a una azienda nel mercato. Ciò sottolinea perché le corporazioni abbiano bisogno di partner – Rainmaking dichiara il loro tasso di successo dell'81% dei progetti pilota tra e aziende.
Tuttavia, Polina Flink, direttore generale di Digital Native, uno startup studio, ha condiviso che la collaborazione con le corporazioni per la creazione di aziende può portare a conflitti di interesse: 1) una corporazione potrebbe volere che una azienda soddisfi specificamente le sue esigenze, mentre uno startup studio crea prodotti per un mercato più ampio; 2) uno startup studio mira ad aumentare la valutazione delle aziende che crea, mentre una corporazione potrebbe voler acquisire l’azienda ad un prezzo inferiore.
5
Programmi Statali di Sostegno

per gli ecosistemi di aziende sono disponibili in molte capitali IT in tutto il mondo. Per saperne di più su questi programmi, clicca sui link per ciascuna città: New York, San Francisco e Los Angeles, Londra, Boston, Pechino, Shanghai, Bangalore, Parigi, Tel Aviv, Berlino, Tokyo, San Paolo, Singapore, Dubai, Amsterdam e Lisbona (ho intervistato un imprenditore portoghese nel settore tecnologico che ha condiviso che in Portogallo puoi ottenere 4 volte il denaro sugli investimenti iniziali per ricerca e sviluppo e aziende ad impatto). Per approfondire gli ecosistemi di azende, consiglio di scaricare l'Indice Globale dell'Ecosistema di Startup 2023 di StartupBlink.
Il numero di startup studio cresce velocemente. Ad oggi, se ne contano sulla Studio Map di Enhance Ventures

12. Cosa pensano gli investitori informali statunitensi degli investimenti in startup studio? Intuizioni dalle mie indagini

Ho intervistato degli investitori informali statunitensi via LinkedIn riguardo al loro atteggiamento nei confronti dell'investimento in startup studio e ho ricevuto 30 risposte alle seguenti domande:
  • Conosci il formato degli startup studio/venture studio?
  • Hai mai investito startup studio/venture studio?
  • Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di investire in startup studio rispetto ad investimenti in acceleratori, fondi di capitale di rischio, singole aziende?
  • Stai considerando (o pianificando) investimenti in startup studio e, se si, quali fattori specifici sono importanti per i tuoi investimenti?
Alcuni numeri per attirare l'attenzione :grin:, anche se il campione indagato è piccolo:
  • Il 77% (23 su 30) dei miei intervistati aveva familiarità con gli startup studio. Il campione potrebbe non essere rappresentativo, poiché probabilmente ha attratto coloro che già avevano familiarità con gli startup studio, nonostante non mi sia rivolto a loro in modo specifico. Immagino che l'effettiva consapevolezza di un modello di startup studio sia inferiore.

  • Il 22% (5 su 23 che hanno familiarità con gli startup studio) ha già investito in startup studio.

  • Il 70% (16 su 23) è aperto a considerare opportunità di investimento in startup studio. In particolare, gli investitori hanno sottolineato l'importanza di un team di fondatori competente e della loro esperienza nell'area di interesse prescelta dallo startup studio.
Gli investitori hanno evidenziato i seguenti vantaggi dell’investimento in startup studio:
1
Rischio inferiore rispetto ai fondi di capitale di rischio (VC) poiché si può valutare la competenza dei fondatori dello startup studio
Rischio inferiore rispetto ai fondi di capitale di rischio poiché è possibile valutare la competenza dei fondatori dello startup studio come operatori/costruttori e dedurre il potenziale successo dei progetti futuri, a differenza dei fondi di capitale di rischio che si limitano a distribuire capitale. Similmente agli investimenti in aziende, quando si investe in startup studio, si investe più nel team che nelle idee poichè queste possono evolversi più volte.
2
Maggiori ritorni sugli investimenti
(rispetto ad acceleratori e fondi) grazie ad una maggiore quota iniziale nelle aziende create e a tassi di successo più elevati facilitati dalla disponibilità di capitale, rete, processi e un team forte.
3
Migliore controllo sui risultati delle aziende
poiché lo startup studio è un cofondatore attivo, offrendo una maggiore supervisione rispetto ad altre tipologie o formati di investimento.
4
Rischi ridotti
(come con i fondi di capitale di rischio) rispetto all'investimento in singole aziende grazie alla diversificazione.
5
Valutazione una tantum di un team di fondatori competente
piuttosto che valutare le competenze dei fondatori per ogni singola azienda.
Tuttavia, gli investitori hanno anche sottolineato diversi svantaggi:
1
Gli startup studi hanno bisogno di una strategia per mantenere le loro quote iniziali
nei successivi cicli di investimento, in quanto una forte diluizione può influire sui fondatori dello startup studio.
2
I rendimenti potenziali sono inferiori
(come con i fondi di capitale di rischio) rispetto ad investimenti diretti in aziende.
3
Le aziende create possono essere più stereotipate
poiché vengono sottoposti a processi standard di filtraggio delle idee, rendendo meno probabile l'emergere di "unicorni". Creare una narrativa coinvolgente e accattivante per una azienda, in particolare per gli investitori, è più impegnativo se è "nata in laboratorio".
4
Gli startup studio tendono ad attrarre imprenditori meno esperti
come cofondatori delle aziende.
5
Se uno startup studio non ha un focus
è più difficile decidere sugli investimenti.

13. Scegliere una tesi per uno startup studio: indipendente dal settore o focalizzata su un unico obiettivo

Quando si formula la tesi di uno startup studio, ci sono due opzioni:
1
Operare in vari settori e idee
2
Specializzarsi in un settore, una tecnologia o un modello di business:
Intelligenza artificiale generativa, Fintech, Biotech, Energia, Trasporti, EdTech, Videogiochi, B2B SaaS, Marketplace, ecc. Mi piace la tabella con diversi tipi di specializzazione e vantaggi descritti nel rapporto Redesigning Entrepreneurship 2023:
Secondo Enhance Ventures, il 36% degli startup studio si concentra su un settore, e un altro 36% su due settori:
Dati dalla presentazione di Enhance Venture al webinar State of the Venture Studio World.
Con una focalizzazione ristretta, l'enfasi è sulla comprensione approfondita dell'industria, sulla duplicazione del modello di business o dell'approccio e sullo sfruttamento di una rete ricca e altre risorse che possono essere utilizzate in più progetti.

Le aziende del portafoglio che operano all'interno di un unico settore possono condividere intuizioni, partnership e idee. Lo svantaggio di una focalizzazione molto ristretta è che, in alcuni casi, potrebbero non esserci molte opportunità per unicorni. Inoltre, se il settore è soggetto a fluttuazioni economiche, tutti i progetti dello startup studio ne saranno influenzati (o le aziende di Web3 potrebbero dover cambiare strategia, in inglese “fare pivot”, in startup di intelligenza artificiale :joy: il che non è uno scenario negativo). C'è anche la tentazione di ampliare le aree di focalizzazione dello startup studio quando emergono idee interessanti in aree correlate.

Gli startup studio agnostici consentono adattabilità e hanno una selezione di idee più ampia, portando a un portafoglio di aziende variegato e a minor dipendenza economica specifica del settore. Tuttavia, questa diversificazione aumenta i costi a causa delle varie esigenze di competenza e (secondo me) nega l’efficacia di uno startup studio rendendo più difficile attrarre cofondatori e investitori. Condividerò più riflessioni in merito nella sezione 15.
Il 67% di tutti gli investimenti negli startup studio è andato a quelli focalizzati su un unico settore, anche se rappresentano solo il 36% di tutti gli startup studio. Questo significa che gli startup studio con un unica area di focalizzazione hanno una probabilità 3,6 volte maggiore di ottenere finanziamenti rispetto a quelli multi-verticali o agnostici.

14. Ruoli nel lancio di uno startup studio. Ritrovati e contattami :wink:

Secondo le ricerche di StudioHub, nel 2021, il 79% dei fondatori di startup studio erano ed ancora sono imprenditori, il 16% erano investitori e il 5% lavorava in società di consulenza.

Più comunemente, gli startup studio (così come i fondi di capitale di rischio o fondi VC) vengono istituiti da ex imprenditori. Un gruppo di 2-4 fondatori unisce la propria esperienza, rete e capitale per lanciare un venture studio.
Secondo me, un team fondatore ideale per uno startup studio dovrebbe includere tutti e tre i ruoli descritti di seguito per coprire tutti i processi dello studio: raccogliere fondi per lo startup studio e le aziende; attrarre cofondatori (Amministratore Delegato o CEO, Direttore Tecnico o CTO, ecc.); generare e validare idee, creare prototipi (in inglese, MVP) e scalare aziende. È estremamente vantaggioso se i fondatori hanno competenze nel dominio di interesse del venture studio.
1
Imprenditore Seriale
Hai già creato diverse aziende di successo, guadagnato denaro e forse venduto aziende. E ora stai cercando un'opportunità per ripetere il successo avviando aziende in serie e avendo partecipazioni in diverse aziende. Vantaggi: generazione di idee e ispirarazione per gli altri; esperienza nel trovare prodotti che possano soddisfare un mercato (in inglese, PMF: Product Market Fit), avviare e gestire un'azienda da zero; capacità di assemblare una squadra e sopravvivere alle crisi.
2
Investitore in fondo di capitale di rischio o investitore informale (con precedente esperienza imprenditoriale)
Idealmente, un ex socio dirigente in grado di attrarre denaro, che ha gestito un consorzio, forse anche organizzato un incubatore o acceleratore. Vantaggi: capacità di gestire gli asset e attrarre denaro al fondo; rete nell'ecosistema dei fondi di capitale di rischio; contatti e soci fedeli, esposizione ad aziende e fondatori.
3
Direttore Tecnico (in inglese, CTO - con esperienza da cofondatore)
Hai costruito prodotti da zero, programmato e lavorato come cofondatore e CTO in diverse aziende. Vantaggi: abilità di valutare potenziali cofondatori tecnici per le aziende di uno startup studio; sai mettere insieme team tecnici e organizzare efficacemente flussi di lavoro agili per sviluppare dei prototipi (MVP) e iterare regolarmente e rapidamente.
Altri ruoli sono possibili a seconda della tesi dello studio di startup:
  • Esperti da società di consulenza possono sfruttare i loro contatti nelle corporazioni per avviare uno startup studio di tipo corporate.

  • Scienziati. Ho avuto una conversazione con il fondatore di uno startup studio con sede nel Regno Unito, uno scienziato con collegamenti alle università che e che collabora con loro efficacemente, reperisce altri scienziati, conduce attvità di ricerca e sviluppo e crea aziende “deep tech”.

  • Eccezionali Responsabili Capo Prodotto (CPO) / Capi del Marketing (CMO) / Direttori della Crescita CGO (con esperienza di cofondatore in aziende) che hanno sia costruito e gestito con successo team per testare centinaia di ipotesi in aziende e sia fatto crescere aziende possono ugualmente essere adatti.
Nel libro Startup Studio Manifesto, ad Alex Maleki, ex Direttore Generale di IdeaLab, è stato chiesto: "Quali caratteristiche sono necessarie per essere un buon fondatore di startup studio? Che tipo di rete dovrebbe avere un fondatore?"

In risposta, ha affermato che le due domande essenziali che ogni fondatore dovrebbe porsi sono: "Sono in grado di assemblare una squadra?" e "Sono capace di raccogliere fondi?"

Alex Maleki
ex-Diretor Executivo da IdeaLab,

15. La mia visione per gli startup studio che saranno strepitosi :speaker: ! Approccio super-specializzato e super-snello

Non puoi concludere in modo definitivo "dovrei avviare uno startup studio" solo leggendo questa ricerca. Similmente a qualsiasi straordinaria azienda, uno startup studio deve avere vantaggi e risorse uniche, ad esempio:
Un team incredibile con competenze uniche nel settore; accesso ai finanziamenti a condizioni preferenziali; informazioni privilegiate; la capacità di attrarre eccellenti cofondatori per aziende (e padronanza delle tecniche di ipnosi :grin:); una fonte di amministratori delegati e specialisti senior con uno sconto del 67%; un approccio unico che offre vantaggi significativi alle aziende.
L'approccio che delineerò implica l'avvio di uno startup studio senza un enorme capitale o un marchio noto. Entrambi questi elementi di solito offrono vantaggi significativi nell'attrarre talenti e nella capacità di essere agnostici nel perseguire le principali tendenze, dove potrebbero emergere “decacorni” (valutati oltre $10 miliardi). Atomic, con finanziamenti di $750 milioni attraverso i loro quattro fondi, e Sutter Hill Ventures, che ha originato 20 aziende - 8 del valore di oltre $1 miliardo, inclusi 2 decacorni, esemplificano con successo un approccio diverso dal mio.

Il più grande problema degli startup studio. Naval Ravikant, che rispetto e ammiro profondamente, ha criticato il modello di startup studio perché non si possono reclutare i migliori imprenditori (la risorsa più scarsa), prendendo una quota significativa (40%) di equity per fornire un'idea, un ufficio, operazioni e una quantità di capitale relativamente piccola. Sono d'accordo - uno startup studio nella media, anche con un livello di supporto da cofondatore, attirerà fondatori nella media. Sebbene non sempre sia una via praticabile, ci impegniamo ad aumentare le possibilità di creare nuovi unicorni (e salvarli dall'estinzione, soprattutto data la diminuzione del 93% nella loro nuova prole :grin:).

Quali condizioni sono necessarie per attrarre fondatori di primo livello, oltre a prendere una quota inferiore (20-30%) di equity? Se c'è il team più performante possibile con competenze straordinarie in una certa nicchia – ogni fondatore che considera di avviare un’azienda in quel campo sarà attratto da questo centro di attrazione (startup studio), creando ancora più gravitazione per futuri fondatori, investitori ed esperti.

Hai ragione; gli stessi effetti di rete (grazie, NFX, per il corso fantastico e la “bibbia”) funzionano all'interno di uno startup studio – la concentrazione di competenze di nicchia attirerà più competenze. O, per dirla con le parole di Naval Ravikant, gli interessi combinati si attribuiscono sia all'esperienza dello startup studio, sia alla sua capacità di creare unicorni.
Quindi, l'unica domanda-guida per ogni studio deve essere, “In quale nicchia possiamo diventare i numeri 1 nella costruzione di aziende raccogliendo il team con competenze di nicchia più qualificato possibile (partner, fondatori, investitori, consulenti ed esperti) per renderlo irragionevole per i fondatori di primo livello avviare aziende in quel campo senza di noi?”
Uno startup studio deve costruire un monopolio di competenze nella sua nicchia, facendo eco alla filosofia di Peter Thiel in "Da Zero a Uno". Essendo l'esperto ineguagliato in una nicchia, gli studio possono attrarre fondatori di primo livello.

Propongo la mia visione per la creazione di uno startup studio – un approccio super-specializzato e super-snello:
1
Focus di Nicchia
Non un settore verticale, ma il 10% di un settore in una geografia specifica. Puoi trovare intersezioni di un'industria con un modello di business, clienti target o tecnologia, come descritto nella sezione 13.

Entro 3 anni, ogni startup studio deve affermare: “Siamo i migliori nella costruzione di aziende [di questo tipo] in [questa nicchia] in [questa geografia]”.

Se non puoi dire questo, devi restringere il tuo focus fino a quando non puoi e fino a quando ci sono ancora opportunità per costruire unicorni. Gli startup studio possono anche iniziare con un “mercato di testa di ponte”, come raccomandato per le startup nei libri "Crossing the Chasm" e "Disciplined Entrepreneurship", e poi entrare in mercati adiacenti. Creando la miglior fabbrica possibile per tipi specifici di aziende, potenzi l'effetto degli startup studio, risultando in tassi di successo delle aziende più alti e relativi ritorni.
2
Team di Nicchia

Lo studio del 2019 "Age and High-Growth Entrepreneurship" conclude che i fondatori con esperienza sia ravvicinata che estesa nel settore industriale specifico dell’azienda hanno tassi di successo significativamente più elevati. Analizzando 2,5 milioni di imprenditori, lo studio ha scoperto che i fondatori con più di 3 anni di esperienza di nicchia (basata sulla classificazione industriale a 6 cifre) hanno 2,17 volte più probabilità di creare un’azienda ad alta crescita (0,1%) rispetto a quelli senza esperienza nel settore.

Poiché uno studio ha un focus ristretto, è più facile attrarre esperti di nicchia, cofondatori, consulenti e investitori. Tale competenza di nicchia (di tutti gli stakeholder) aumenta le possibilità di individuare grandi problemi in questo dominio, creare soluzioni che possano soddisfare un mercato (in inglese, PMF: Product Market Fit). Un team di nicchia attiva effetti di rete che attraggono sempre più competenza.
3
Aziende “Snelle” (in inglese, “Lean”)

Uno startup studio deve avere processi iterativi rapidi, che permettano alle sue aziende di poter soddisfare un mercato più velocemente rispetto alle aziende convenzionali. Integrerei i 22 punti dei consigli essenziali di Y Combinator per le aziende nel playbook dello startup studio. Pensi sia possibile sostituire la prima “fase di Ideazione” con “Avvialo adesso” :grin:?

Il Rapporto sui Dati GSSN 2022 afferma che, in media, le aziende di uno startup studio raggiungono entrate in 9 mesi. Cercherei di sfidare questo dato e concentrarmi sui processi dello studio per raggiungere entrate almeno 2 volte più velocemente (forse ad eccezione delle aziende nei settori deep tech e delle biotecnologie).

In generale, le aziende dovrebbero avere un'economia unitaria positiva con un rapporto LTV:CAC (LTV: Lifetime Value, ovvero “valore di un cliente”; CAC: Customer Acquisition Cost, ovvero “costo di acquisizione cliente”) di almeno 3:1+, per non parlare dell'avere entrate per la raccolta di capitale (tuttavia, poiché le aziende non fanno parte di Mediocristan, ci sono sempre eccezioni).
Nel 2022, il numero di aziende che hanno generato entrate prima di assicurarsi i round Seed è stato quattro volte superiore rispetto al 2010, secondo il sesto studio annuale V21 di Wing (2023).
4
Startup Studio “Snello” (in inglese, “Lean Studio”)

Covid (1), la rivoluzione dell'intelligenza artificiale (2) e il boom degli startup studio (3) devono cambiare il modo in cui gli startup studio vengono avviati e gestiti:

  • Arbitraggio geografico - mescolare il team con persone in remoto. Prima di tutto, non devi compromettere l'expertise di nicchia. Senza essere strettamente legati a un particolare hub IT, uno startup studio specializzato in greentech per la riforestazione con l'intelligenza artificiale può attrarre i migliori esperti del settore in tutto il mondo. In secondo luogo, assumendo specialisti senior in marketing, ingegneria e design dall'estero al prezzo di stipendi junior negli Stati Uniti, puoi estendere la tua liquidità rimanente o, con lo stesso budget, ampliare il supporto alle aziende raddoppiando il team da 8 a 16.

  • Strumenti di intelligenza artificiale per migliorare costantemente i manuali operativi e strategici (in inglese “playbook”) dello studio. L'intelligenza artificiale aumenta notevolmente la produttività, quindi il tempo dall'ideazione ad un prodotto o servizio che possa soddisfare un mercato e alla scalabilità deve ridursi, così come il costo di ogni fase. Forse abbiamo bisogno di una nuova professione, l’ottimizzatore del playbook, che rivedrà, perfezionerà e innoverà continuamente i playbook esistenti integrando nuovi strumenti basati sull’intelligenza artificiale. Da quando ho iniziato questa ricerca, sia GPT-4 che Perplexity AI hanno trasformato profondamente il mio flusso di lavoro, ed è quasi spaventoso ricordare come sono stato in grado di vivere senza di loro :grin:.

  • Il modello stage-gate, ma applicato agli stessi startup studio (non solo alle aziende). Mentre gli startup studio continuano a crescere in numero (anche se penso che in termini di ciclo di adozione rimangano ancora nella fase degli utilizzatori o adottanti precoci - in inglese "early adopters"), dovrebbe esserci un modo ottimale per avviarli e finanziarli. Questo minimizzerà i rischi e ottimizzerà la struttura degli startup studio a seconda della fase (e aiuterà ad attraversare il baratro :grin:). Elaborerò il modello stage-gate nella prossima sezione.

Approccio “Focus di Nicchia, Team di Nicchia, Aziende Snelle, Startup Studio Snello” (in inglese, approccio “NNLL” da “Niche focus, Niche team, Lean startups, Lean studio”).

Quello che mi ha sorpreso – alcuni giorni dopo aver formulato questa visione, ho controllato un mio vecchio post dove GPT-4 dava consigli piuttosto simili per costruire uno startup studio che genera unicorni, includendo 1) focus, 2) forte rete di fondi di capitale di rischio o VC/cofondatori, e 3) efficienza dei costi. Ha anche stimato speculativamente le mie probabilità del 25-30% di costruire uno startup studio che genera unicorni (semplicemente non sapeva di questa ricerca e del massiccio interesse per essa :grin:).

16. Modello LEAN stage-gate per la creazione e il finanziamento degli startup studio

Puoi facilmente attrarre fondatori di alto livello se il tuo startup studio mostra una straordinaria traccia pregressa di successi e competenza in una nicchia specifica. Come arrivarci? Passo dopo passo, diminuendo i rischi per te e i tuoi investitori.

Propongo un percorso in 4 tappe per gli startup studio:
1
Avvio - unisci le parti interessate attorno alla tua visione
Come in ogni prodotto sugli effetti di rete, c'è The Cold Start Problem (adoro il libro di Andrew Chen): è improbabile che cofondatori, consulenti, esperti e investitori si uniscano ad uno startup studio che non offra loro ulteriore valore. Gli imprenditori sono alla ricerca di competenze e finanziamenti sostanziali; gli investitori invece, ricercano un grande team e fondatori di alto livello. Uno startup studio deve diventare una piattaforma unificante per entrambe le parti.

Durante questa fase, devi definire una nicchia e una tesi di startup studio, radunare un team centrale dei fondatori dello startup studio attorno alla tua visione e risolvere il problema dell'uovo e della gallina. Allo stesso tempo, devi stimolare e convincere investitori e fondatori a unirsi al tuo startup studio e attorno alla tua visione. Potrebbe essere una buona opzione iniziare attirando consulenti di nicchia e quindi utilizzare questa esperienza per persuadere fondatori e investitori. Se riesci a risolvere il problema dell’avvio a freddo (in inglese, “the cold start problem”) e a ottenere i primi impegni da parte delle parti interessate, allora:
2
Esecuzione - dimostra la capacità di moltiplicare il denaro convertendolo in equity
Avvia l'attività e attrai finanziamenti iniziali da investitori informali e fondi di capitale di rischio o VC di $0,7-2M (a seconda della tua locazione e delle dimensioni iniziali del team) per i primi 24 mesi per lanciare 5-8 aziende. I primi investitori che accettano i maggiori rischi possono ottenere il 15% del tuo studio con un pagamento preferenziale di 1x (o anche con un moltiplicatore o partecipazione se aiuta ad attrarre investitori durante questo inverno dei VC) dalla prima exit dello startup studio. Poi gli investitori continuano a partecipare nelle future exit/dividendi dello startup studio secondo le loro quote. Quentin Nickmans ha descritto l'approccio in dettaglio.

Dovrai anche collaborare con fondi di capitale di rischio di primo stadio (early-stage VC) e consorzi per i round di investimento “pre-seed” e “seed” perché, con capitale limitato, non sarai in grado di finanziare le aziende da solo. Ma il vantaggio (oltre alla capacità di partire con un capitale minore) è che non stai spingendo le tue aziende ai round se non sono valutate a dovere dal mercato. Ciò che è più importante - valuterà in modo equo le capacità di esecuzione del tuo team, che a sua volta ti aiuterà ad attrarre più investitori e lanciare un Fondo I dello startup studio (Studio Fund I).

In 24 mesi, devi dimostrare ai tuoi attuali e futuri investitori che hai convertito il capitale iniziale in quote delle tue aziende, che sono valutate diverse volte di più. Un TVPI (TVPI: Total Value to Paid In, ovvero il valore totale di un investimento in proporzione al capitale investito) di 3-10x+ sarebbe un buon obiettivo per i primi 2 anni, il che implica che il totale delle equity dello startup studio nel proprio portafoglio deve essere valutato $5-15M+. La valutazione totale delle aziende deve essere 4-5 volte maggiore, considerando l'equity iniziale dello startup studio del 20-30% prima dei round di investimento “pre-seed”.
3
Avanzamento - passa al modello a due entità e raggiungere la prima exit
Raccogli un fondo di $10-25M+ per lo startup studio, a seconda della tua creascita, posizione e tesi. Utilizza le commissioni di gestione e ulteriori investimenti dal fondo nello startup studio per coprire 4 anni di operazioni dello studio. Il fondo otterrà una parte del tuo startup studio, ma la parte principale del capitale sarà investita nei round di investimento pre-seed e seed delle tue aziende. Ciò aiuterà ad accelerare il processo di investimento, migliorare il controllo dello startup studio sul proprio portafoglio e generare dei riporti aggiuntivi allo startup studio alla chiusura del fondo.

Devi già avere un marchio forte e competenze di nicchia, rendendo “irragionevole” per fondatori di primissimo livello avviare aziende nella tua nicchia senza il tuo studio, come descritto nella sezione precedente. Durante questa fase, è preferibile avere la prima exit per diventare indipendenti e non diluire le equity dello startup studio (di una società holding) per i futuri anni di operatività.
4
iNdipendenza (scusa, ma non esiste una parola appropriata che inizi con N :grin:) – è il tuo turno di iNnovare, iNstillare e iNfluezare; racconta al mondo la tua storia!)

Una volta che il tuo startup studio sarà indipendente, avrai a disposizione una gamma completa di opzioni:

  • Aumenta la tua produttività (facendo crescere il tuo team o migliorando il tuo playbook) per avviare più aziende ogni anno o aiutare le società in portafoglio.

  • Incorporare nuovi fondi (probabilmente più grandi) per avviare più aziende e coprire fasi successive di investimento come “Series A/B”.

  • Le azioni degli investitori potrebbero essere acquistate dai fondatori dello startup studio o, al contrario, una parte dello startup studio potrebbe essere ceduta: come nel luglio 2023, Rainmaking ha annunciato l'acquisizione delle proprie attività nell'APAC da parte di Bain & Company. O addirittura vendere l’intero studio – lo stesso mese in cui Silicon Foundry passò a Kearney.

  • Avviare nuovi mercati espandendo l'attenzione dello startup studio a nicchie o attività adiacenti, come investire in aziende esterne.
Cosa succede se la crescita di uno startup studio è lenta o non si riesce a raggiungere gli obiettivi di ogni fase? Come con le aziende: fai “pivot”, riduci le spese, o raccogli del “capitale temporaneo” (in inglese, “raise a bridge”) (non volevo scriverlo, ma l'ultima opzione è quella di "cessare l'attività" :grin:).

Modello LEAN stage-gate per gli startup studio: Avvio (Launch), Esecuzione (Execute), Avanzamento (Advance), Indipendenza (iNdependence).

Sono necessari 6-7 anni affinché uno startup studio raggiunga la maturità e diventi autosufficiente.

17. Inviti all'azione :speaker:: ricerca di un partner per avviare un fondo per startup studio e fondatori per creare nuovi startup studio. E altro ancora...

Nelle due sezioni precedenti, ho delineato la mia visione per gli startup studio NNLL (focus di nicchia, team di nicchia, aziende snelle, startup studio snello) e ho suggerito il modello LEAN stage-gate per l’avvio e il finanziamento degli startup studio.

Per la prima fase (avvio), ho intenzione di creare un incubatore per aiutare i nuovi startup studio a risolvere il problema dell'avvio a freddo. Per la seconda fase (esecuzione), creerò un fondo per sostenere gli startup studio.


Invito all’azione 1: Cerco un partner per creare un fondo di capitale di rischio (fondo VC) per gli startup studio – inviami un messaggio o una email con alcune informazioni su di te e la tua esperienza. Il mio obiettivo è collaborare con qualcuno che abbia dedicato più di 10.000 ore a raccogliere fondi da investitori e a gestire fondi VC. Preferibilmente negli Stati Uniti (ho in programma di trasferirmi lì tra un paio di anni), ma anche il Regno Unito e l'Unione Europea sono interessanti; tuttavia, sono aperto anche a collaborare con altre geografie – Asia, America Latina, Medio Oriente, MENA, ecc. (sono aperto a sorprese :grin:).

Invito all’azione 2: Cerco aspiranti ed emergenti fondatori dello startup studio – compila un modulo da 2 minuti per unirti a una lista d'attesa se vuoi lanciare uno startup studio, trovare cofondatori (partner) per lanciare uno startup studio insieme o risolvere il problema dell’avvio a freddo nelle fasi iniziali dello startup studio. Sarò felice di aiutarti personalmente o tramite il mio futuro incubatore e fondo per gli startup studio. Ho diversi imprenditori eccellenti che mirano ad avviare uno startup studio e attualmente cercano partner (posso farti da tramite :grin:). Aggiornamento: unisciti a The Venture Studio Family – una community a pagamento dove gli studio condividono i loro risultati, documenti e investitori.

Invito all’azione 3: Cerco fondatori di startup studio esperti per un podcast o per invitarli come consulenti nell'ambito dell'incubatore (o per coinvolgerli in qualcosa di segreto) – inviami un messaggio o una email. Aggiornamento: unisciti a The Venture Studio Family – una community a pagamento dove gli studio condividono i loro risultati, documenti e investitori.

Invito all’azione 4: Cerco sponsor per la prossima ricerca – inviami un messaggio o una email nel caso fossi interessato. L'anno prossimo, ho in programma di organizzare un team analitico per realizzare uno studio molto più professionale (e con meno faccine :grin:). Durante questi 7 mesi, ho incontrato molte opportunità per raccogliere statistiche più precise circa le prestazioni degli startup studio e, con maggiore sicurezza, rispondere alla domanda: “Le aziende degli startup studio hanno più successo di quelle che non fanno parte degli startup studio? Se sì, di quanto?"

Invito all’azione 5: Vuoi tradurre questa ricerca nella tua lingua per trovare partner, lanciare uno startup studio o semplicemente diffondere informazioni nella comunità locale? Inviami un messaggio o una email e sarò felice di collaborare.
Commenta, critica, condividi i tuoi pensieri e rispondi alla domanda qui: post su LinkedIn

Per tutti coloro che commentano (anche se è solo un "+") - ti inviterò a un gruppo di startup studio solo su invito per la condivisione di contenuti p2p (ad esempio modelli finanziari degli studi, presentazioni per la raccolta fondi negli startup studio, link ai contenuti degli startup studio).
Oh, wow! Ho appena finito. È incredibile! :speaker:!
Se non hai ancora condiviso la tua email e il tuo profilo LinkedIn per ottenere questa ricerca, puoi iscriverti qui:
Clausola di esclusione della responsabilità legale

Le informazioni, i dati, i pensieri e le opinioni espressi in questo documento sono forniti esclusivamente a scopo informativo ed educativo e non costituiscono consulenza legale, finanziaria o di investimento professionale. Il lettore dovrebbe condurre la propria indagine (o “due diligence”), consultare professionisti ed esercitare cautela prima di prendere qualsiasi decisione commerciale o di investimento. Qualsiasi azione intrapresa in base a questo contenuto è a discrezione e rischio esclusivo del lettore.

I link e i riferimenti forniti sono per comodità del lettore e non implicano un'approvazione o affiliazione con i siti collegati o con il loro contenuto. L'autore o le parti correlate non saranno ritenuti responsabili per qualsiasi perdita diretta o indiretta, danno o conseguenza derivante dall'uso o dall'affidamento su queste informazioni.

I modelli, le strategie e i suggerimenti discussi in questo documento riflettono le opinioni dell'autore e sono presentati come proposte. La loro fattibilità e applicabilità possono variare in base alle circostanze individuali. L'autore non fornisce rappresentazioni, garanzie o assicurazioni riguardo all'efficacia o al successo di queste strategie. Prima di prendere qualsiasi decisione di investimento o finanziaria, i lettori dovrebbero consultare un professionista qualificato.